Centro Studi Repubblica Sociale Italiana
16 settembre 2009, ore 21, Sal˛: "Filippo Tommaso Marinetti" di G.B. Guerri PDF Stampa E-mail
Scritto da Elena   
martedý 15 settembre 2009

Ti aspettiamo il 16 settembre 2009, alle ore 21,

presso la Sala della Magnifica Patria a Salò

per la presentazione del volume

di Giordano Bruno Guerri

 

“Filippo Tommaso Marinetti.

Invenzioni, avventure e passioni di un rivoluzionario”

(Mondadori, 2009)

Sample Image

 

 

Interverrà l’autore intervistato da Roberto Chiarini. 

Dopo il Rinascimento, la creazione culturale italiana più originale e importante è stata il futurismo: avanguardia di tutte le avanguardie del Novecento, ha cambiato per sempre il modo di intendere l'arte e il rapporto arte-società. Da non molto la critica ha cominciato a riconoscere la forza dirompente di questo movimento che nel 2009, centenario del Manifesto, avrà la sua apoteosi, in un diluvio di mostre, studi e celebrazioni. Eppure si continua a trascurare la figura e l'opera del geniale inventore del futurismo. Filippo Tommaso Marinetti ebbe una vita affascinante di artista e rivoluzionario. Nato nel 1876 a Alessandria d'Egitto, fu poeta, editore, romanziere, saggista, oltre che uno straordinario provocatore, dissacratore e motore di cultura, in ogni ambito. La sua capacità di scoprire e suscitare talenti non ha pari. Per sostenere il futurismo, disperse il patrimonio di famiglia, ma una sua caratteristica peculiare fu essere un uomo felice, cui non venne mai meno l'entusiasmo. Seduttore dalle mille avventure, ebbe un lungo e appassionato matrimonio con Benedetta, pittrice e scrittrice futurista. Fra i tanti luoghi comuni che questo libro smentisce c'è quello del "disprezzo della donna", che in realtà Marinetti voleva emancipare fino a metterla alla pari dell'uomo. In politica fu sostanzialmente un anarchico: anche nello stesso pensiero anarchico, perché considerava la Patria più importante della libertà.
Ultimo aggiornamento ( martedý 15 settembre 2009 )
 
< Prec.   Pros. >