Centro Studi Repubblica Sociale Italiana
Il progetto «Un'estate fa» di Fabio Gubellini sulle colonie del Ventennio emiliane PDF Stampa E-mail
Scritto da Redazione   
domenica 11 dicembre 2016

Vi segnaliamo il progetto «Un'estate fa» di Fabio Gubellini sulle colonie del Ventennio emiliane.

 Sample Image  Sample Image

 Sample Image   Sample Image

«Un'estate fa» è un viaggio nel passato, una presa di coscienza dello stato di conservazione delle principali colonie estive in stile razionalista,  che un tempo erano meta di vacanza, e che ora sono spazi sotto utilizzati o abbandonati, ricordo di un passato scomodo senza un futuro certo.

L'intento di questo percorso fotografico è quello di sensibilizzare più persone possibili alla valorizzazione di questo importante patrimonio architettonico, con la speranza che la maggior parte di queste colonie possa essere riqualificata secondo criteri che rispettino gli originali progetti, affinché in questi luoghi si possano tornare a svolgere quelle attività ludiche e ricreative per i quali erano stati concepiti.

«Sono sempre stato affascinato – afferma Gubellini – da quelle grandi strutture, disseminate qua e là lungo la costa romagnola, e non solo: colonie elioterapiche erano chiamate un tempo, edifici imponenti dallo stile geometrico e rigoroso realizzati per poter fare andare in vacanza i "figli del popolo". La storia poi ha fatto il suo corso, e di quel futuristico gesto di welfare che ha dato il via alla costruzione di decine di colonie sparse per tutt'Italia e non solo, rimangono in molti casi solo spogli ricordi di ferro e cemento armato. In questo percorso ideale, ho scelto di andare a visitare i più significativi esempi di colonie in stile razionalista. Non è stato semplicemente un viaggio per l'Italia tra le località che ospitano queste strutture, ma è stato un vero e proprio salto nel passato, nella storia delle colonie e delle persone che le hanno concepite e realizzate. Così, accanto ai nomi delle colonie e ai luoghi di costruzione, sono iniziati a comparire nomi di mirabili architetti ed ingegneri che ci hanno voluto lasciare un segno tangibile delle loro abilità. A loro, ma anche a tutte le persone che in questi luoghi hanno lavorato o soggiornato, è dedicato questo viaggio nel passato».

Per maggiori info: http://www.fabiogubellini.it/progetti/un-estate-fa
Ultimo aggiornamento ( venerdì 16 dicembre 2016 )
 
< Prec.   Pros. >