Centro Studi Repubblica Sociale Italiana
Brescia sotto le bombe (1940-1945) PDF Stampa E-mail
Scritto da Redazione   
martedý 02 gennaio 2018
 Sample Image
 
Da ormai due anni il Centro Studi Rsi di Salò è in giro per archivi italiani e esteri alla ricerca di materiale relativo ai bombardamenti sul nostro territorio bresciano. E da oltre un anno ha presentato il progetto per la mostra dal titolo "Brescia sotto le bombe" a vari enti istituzionali e non (come la Provincia di Brescia, ad esempio) per dare vita ad un'iniziativa espositiva corale. E le risposte positive non sono mancate! A breve, maggiori dettagli! Stay tuned
-------------------------
 
Un quinquennio cruciale per la vita dei bresciani è quello che verrà esplorato nella mostra del Centro Studi Rsi di Salò dal titolo “Brescia sotto le bombe (1940-1945)” che sarà allestita a Palazzo Martinengo (Brescia) in collaborazione con diversi enti tra cui la Provincia di Brescia, la Città di Salò, ecc. Attraverso una raccolta di fotografie, oggetti, filmati ed ologrammi si ricostruirà quel periodo della nostra città e della nostra provincia tanto sofferto quanto lacerato da lutti e distruzioni. La mostra, che coinvolgerà in uno stage scuola/lavoro gli studenti della provincia come guide e guardianie, traccerà un percorso visivo-storico partendo dai preparativi anti-aerei messi in campo a Brescia all’ingresso dell’Italia nel conflitto mondiale, per arrivare ai tragici bombardamenti del 1944-1945 che apportarono profonde e dolorose ferite al nostro territorio. Tutto ciò sarà raccontato anche attraverso video-installazioni di testimonianze di bresciani. Si produrrà inoltre un duplice percorso espositivo uno per un pubblico adulto ed uno espressamente per i bambini. Entrambi i filoni narrativi avranno il supporto di un catalogo.
La mostra mira a creare un momento corale di riflessione storico-civica coinvolgendo varie realtà del territorio: da enti comunali a istituzioni pubbliche a scuole di livello superiore e accademico. Protagonista sarà la comunità bresciana di ieri e di oggi, nelle sue diverse rappresentanze, per ricordare che la storia di un territorio, ieri come oggi, si costruisce attraverso le storie di singoli e della collettività. I bresciani saranno invitati tramite le pagine del Giornale di Brescia a partecipare direttamente con testimonianze o oggetti/documenti d’epoca a questa iniziativa. Le vicende del Bresciano descritte nella mostra non riguarderanno solo il centro cittadino. All’inizio del percorso espositivo la narrazione prenderà avvio proprio da una mappa che testimonierà un’intera provincia ferita. Per questo la mostra, una volta chiusa a Brescia, sarà resa itinerante in alcuni dei principali comuni bresciani.
Ultimo aggiornamento ( martedý 02 gennaio 2018 )
 
Pros. >