«Sconosciuti» di Norberto Bergna sugli eccidi di fascisti in Brianza all'indomani del 25 aprile
Scritto da Redazione   
lunedì 02 gennaio 2012

Sample Image

Vi segnaliamo un libro di uno storico locale sugli eccidi di fascisti in Brianza, molti perpetrati a guerra abbondantemente finita. Il libro, quasi 500 pagine, si intitola «Sconosciuti» (edizioni Bellavite, 2011) ed è la fatica di Norberto Bergna, dirigente in pensione col pallino della storia locale e un passato di militante di destra che, stimolato da Il sangue dei vinti di Giampaolo Pansa, s'è messo per conto proprio a fare ricerche in Brianza dove il 25 aprile, ma soprattutto i giorni successivi, furono particolarmente cruenti.

Scartabellando fra Archivio di Stato, documenti dei comuni, emeroteche ma anche fra i faldoni dell'Istituto per la resistenza di Sesto S.Giovanni, Bergna ha scoperto 200 caduti «repubblichini»: un inedito triangolo della morte fra Mariano Comense, Muggiò e Besana, con efferate esecuzioni di prigionieri fino a metà del maggio 1945, ovvero quasi venti giorni dopo la liberazione di Milano. Racconti duri, di uomini uccisi a bruciapelo per strada, magari dopo averli sottratti ad altre formazioni partigiane meno oltranziste, e poi gettati nelle rogge o nel canale Villoresi.