Quando Comunello sfidō Fasciolino
Scritto da Redazione   
domenica 19 gennaio 2014

 

Sample Image

 

Questo volume collettaneo nasce dall’esigenza di ricostruire la storia della stampa periodica socialista e comunista per l’infanzia in Italia tra la fine dell’Ottocento e l’inizio del Novecento, cui in passato pochi studiosi si sono dedicati con una certa continuità, in genere concentrandosi sui periodici comunisti per ragazzi prodotti nel secondo dopoguerra e trascurando quasi completamente i pur numerosi omologhi socialisti precedenti. Colmando questa lacuna, il presente lavoro ne offre allora un profilo esaustivo che, partendo dalle prime strenne tardo-ottocentesche (Figli del Popolo e Strenna Minima Socialista) e passando attraverso i numeri unici primonovecenteschi (I Maggio dei Fanciulli e Alba di Maggio) e i periodici illustrati pre-fascisti (Il Germoglio, Cuore e Il Fanciullo Proletario), giunge fino al più noto giornaletto a fumetti dell’Associazione pionieri d’Italia (Il Pioniere), amatissimo dai suoi lettori, che ancora oggi lo ricordano con nostalgia.

 

 

Realizzato attingendo al ricco patrimonio emerografico e archivistico, in larga parte esclusivo, conservato presso gli istituti e i centri di documentazione specializzati nella storia e nella memoria del movimento operaio italiano, il volume si inserisce all’interno del più ampio dibattito internazionale sul processo di «politicizzazione dell’infanzia» nel corso del XX secolo, fattosi di recente sempre più animato.

Juri Meda (a cura di), FALCE E FUMETTO. Storia della stampa periodica socialista e comunista per l'infanzia in Italia (1893-1965), Nerbini, 2013.