Centro Studi Repubblica Sociale Italiana
Il filo nero. Gavardo nel fascismo PDF Stampa E-mail
Scritto da Redazione   
lunedý 22 ottobre 2007
 

Marcello Zane, Il filo nero. Gavardo nel fascismo,

Liberedizioni, Gavardo (Brescia) 2006, pp. 112. 

Pi¨ che la narrazione della storia del fascismo, intesa come raccolta di biografie od accadimenti, il volume cerca di fornire una traccia ed un'in­terpretazione del regime come fenomeno storico, di vissuto quotidiano ed esperienze condivise, nel suo affermarsi e svilupparsi a Gavardo come nei paesi vicini.

L'avvento del regime avvenne infatti sull'onda di una rivoluzione di ampio respiro nazionale, ma fu in paese il risultato della riproposizione di un iniziale compromesso politico fra vecchie e nuove Úlites di stampo liberale.

Uno scontro fra forze tradizionali e ceti emergenti, sull'onda del duro primo dopoguerra, degli scioperi del biennio compreso fra il 1919 ed il 1921 e della violenza squadrista.

Queste pagine ricostruiscono, dunque, la strategia del fascismo attuata in chiave locale, destinata in buona parte a rimanere incompiuta per l'irriducibi­litÓ di componenti essenziali della comunitÓ.

Ma, soprattutto, per il grande influsso esercitato sulla politica e sulla societÓ gavardese dalla di­rigenza del ôLanificio di Gavardoö durante l'intero ventennio.

Il filo nero
Ultimo aggiornamento ( mercoledý 28 novembre 2007 )
 
< Prec.