Centro Studi Repubblica Sociale Italiana
Domenica del Corriere: novembre 1944 PDF Stampa E-mail
Scritto da Redazione   
venerdý 02 gennaio 2009

Sample Image Sample Image

Sample Image Sample Image

Sample Image Sample Image

Sample Image Sample Image

FileGiorno, mese, anno, p.Didascalia
45 a5 novembre 1944 p. 1

Mentre la Germania mobilita tutte le sue forze per la difesa del territorio del Reich, sul fronte / orientale le prime divisioni di “Granatieri del popolo” e le prime formazioni di “Milizia popolare” / ricevono il battesimo del fuoco: reparti corazzati sovietici vengono distrutti con nuove mici- / diali armi automatiche. (Disegno di W. Molino)

45 b5 novembre 1944 p. 8

Stoicismo di aviatori nipponici: nella battaglia presso le isole Nicobare il giovanissimo sottote- / nente dell’aviazione Abe, figlio dell’ex-Presidente del Consiglio giapponese e attuale Governatore / generale della Corea, affonda una portaerei britannica di ventisettemila tonnellate, precipitando- / visi sopra col proprio apparecchio carico di bombe. (Disegno di W. Molino)

46 a12 novembre 1944 p. 1

Uomini contro colossi d’acciaio. Sugli Appennini, durante un’azione di nostri reparti contro for- / mazioni corazzate nemiche avanzanti, un giovane bersagliere ligure, balzato su un carro armato, / introduce nella feritoia il suo mitra e ne sgrana tutti i colpi sull’equipaggio. Trascinati dal suo / esempio, altri bersaglieri immobilizzano un secondo carro scardinandone i cingoli con bombe a mano. / (Disegno di W. Molino)

46 b12 novembre 1944 p. 8

La battaglia negli acquitrini dell’Olanda: combattenti germanici, lottando con l’acqua alla cintola, / annientano formazioni nemiche che avevano tentato di avanzare con battelli e carri anfibi / in una zona allagata. (Disegno di W. Molino)

47 a19 novembre 1944 p. 1

Nell’audace conquista di un caposaldo sul fronte occidentale italiano, il caporalmaggiore Aliprandi del battaglione / alpino “Tirano” trascina la propria squadra all’assalto e distrugge col mitra e con bombe a mano un nido si mitragliatrici / nemico. Ferito, non di dà per vinto: sparato l’ultimo colpo, strappa il fucile a un soldato francese che abbatte in un / violento corpo a corpo e continua indomito nella lotta contro la reazione avversaria mantenendo la posizione. / (Disegno di W. Molino)

47 b19 novembre 1944 p. 8

O “Kamikaze” all’attacco: il nuovo corpo speciale dei giovani piloti nipponici che guidano siluri / volanti contro le fiancate delle navi anglostatunitensi nel Pacifico, affondandole e immolandosi / nell’esplosione. (Disegno di W. Molino)

48 a26 novembre 1944 p. 1

La guerra degli Anglo-Americani. Sono ormai quotidiane le imprese aeree dei “liberatori” sui / centri abitati dell’Italia settentrionale privi di qualsiasi obiettivo militare: gli aviatori si acca- / niscono particolarmente con mitragliamenti contro cittadini nelle strade, messi di locomozione civile / e contadini intenti ai lavori nei campi. (Disegno di A. Beltrame)

48 b26 novembre 1944 p. 8

Avieri eroici. Di scorta a un’autocolonna nelle retrovie del fronte italiano, il primo aviere Aldo / Grignolini di Milano risponde con la mitragliatrice piazzata sul suo autocarro alle raffiche di alcuni / caccia-bombardieri americani, abbattendone uno. Colpito a morte, egli sarà sostituito dal primo / aviere Antonio Scafi che, già ferito a una gamba, continuerà impavido l’epico duello. (Disegno di W. Molino)

Ultimo aggiornamento ( giovedý 29 gennaio 2009 )
 
< Prec.   Pros. >